martedì 14 giugno 2011

Il pane di Sant' Antonio



Ieri, 13 Giugno si è festeggiato Sant' Antonio di Padova, ed io vi voglio raccontare le tradizioni/usanze che ricorrono,nel mio paese, per onorare il Santo.

Il percorso  religioso inizia con la preghiera per la tredicina di Sant' Antonio,dove i fedeli e i devoti si recano in chiesa ogni giorno,per tredici giorni appunto,per pregare attraverso il rosario.Mentre il 13 Giugno durante la celebrazione della messa i fedeli ma soprattutto i devoti portano del pane come segno di ringraziamento,ma non solo.Eh si perchè questa bellissima usanza del pane è legata proprio alla vita di Sant'Antonio si racconta,ad esempio che persone afflitte da mali morali,fisici ed anche economici avessero promesso al Santo che qualora li avesse salvati da quelle afflizioni gli avrebbero donato dei soldi tali da consentire di distribuire a tutti i poveri del pane fresco.

Il simbolo del pane è legato anche ad un'altra storia,si narra che una madre disperata per il figlioletto annegato in un fiume,aveva fatto voto al Santo,già morto,che se il bambino avesse ripreso vita avrebbe dato ai poveri tanto frumento quanto era il peso del bambino.Come si evince da queste storie,tutto ruota intorno alla condizione e ai bisogni delle persone..caratterizzate dal gesto di carità.Vere o false che siano,una cosa è certa Sant'Antonio è sempre andato incontro ai più bisognosi.

Terminata la messa e la benedizione del pane,coloro che hanno fatto voto offrono il pane ai presenti ed una volta usciti dalla chiesa si continua l'offerta nelle case dei vicini,dei parenti e amici.Chi lo riceve non deve ringraziare ma,almeno nel mio paese,deve rispondere dicendo "che Sant'Antonio ascolti il tuo voto",in dialetto:"che Sant' Antonio va andavi accettu".

Osservando le statue che rappresentano Sant' Antonio si può notare che tra le sue braccia c'è sempre un bambino.Questo sottolinea la particolare attenzione che ha sempre avuto nei loro confronti.Tra i miracoli da lui compiuti molti sono proprio rivolti a loro.Per questo motivo c'è la tradizione di affidare i più piccoli,sin dalla nascita,sotto la protezione del Santo.E per ringraziarlo ai bimbi viene fatto indossare l'abito francescano.

Io ieri ho preso parte alla celebrazione della messa ed oltre il pane che ha inebriato la chiesa di un piacevolissimo profumo,erano presenti anche i bimbi vestiti con l'abito francescano e devo dire che, è stata una bellissima esperienza,carica di significato,valori ed emozioni.

Per questa giornata,come da tradizione ho preparato il pane che ho offerto ai fedeli presenti e ai parenti e vicini di casa.


Ho sistemato,con l'aiuto della mia mamma,i panini in sacchettini e poi nella tipica cesta del pane.




Ingredienti:


1 kg di farina manitoba;
20 gr di sale; (io ho messo 15 gr)
100 gr di strutto;
100gr di zucchero;
25 gr di lievito; (io ho usato il lievito in polvere)
500 gr di acqua;
10 gr di miglioratore; (io ho usato il malto d'orzo)

Procedimento:

Impastare tutti gli ingredienti in modo da ottenere un impasto morbido omogeneo.(circa 10 minuti).Lavorare la pasta per altri 5 minuti a mano.Dividere l'impasto in panetti di 60 gr ciascuno...



.....formare i panini e praticare una piccola croce,lasciar lievitare per 3-4 ore circa.Infornare in forno preriscaldato a 180° per 20/25 minuti circa.Fino a quando non si saranno dorati.




Questo il risultato.Deliziosi


Super soffici.




Nota: la ricetta,"la Tavola calda tipica siciliana" l'ho presa da Danita del blog "Le leccornie di Danita".
Nota: si mantengono morbidi anche per 2-3 giorni.Si possono farcire o utilizzare come panini per hot dog,hamburger...e per renderli golosissimi con la nutella.A casa sono piaciuti tantissimo.
Stampa il post

19 Dolcetti:

Scarlett: ha detto...

davvero un bel post,mi piace conoscere gli usi e i costumi delle altre citta'..bacioni e ti rubo un bel panino che con i miei hamburger stanno a meraviglia!!!baci

Damiana ha detto...

Grazie per queste tradizioni che ci racconti,un blog serve anche a questo!Immagino l'atmosfera che si è creata in chiesa e tu con questi panini avrai reso tutti ancor più grati!!
Un abbraccio cara e grazie ancora!!

Federica ha detto...

Bello conoscere le diverse tradizioni. Da me invece si festeggia S. Antonio Abate, protettore degli animali, il 17 gennaio. Devono essere sofficiosissimi questi panini. Baci, buona serata

Mary ha detto...

Sono belli e cosi soffici , perfetti....prendo nota della ricetta a mia figlia piaciono come li ha visti , li ha richiesti.
PS ti ho mandato una mail.

raffy ha detto...

lo adoro e il tuo è perfetto, lo divorerei...

Francesca ha detto...

Festeggio volentieri anche io la festa prendendo un panino dalla tua cestina... :-)

Valentina ha detto...

Bravissima Alice!! Ieri infatti ho fatto gli auguri a mio zio che appunto si chiama Antonio e anche lui mi ha parlato di questa festa. Che bel gesto quello di donare il pane. E sei stata molto brava a farlo!

Claudia ha detto...

Che bella tradizione... pensa che io son nata ieri... il mio Santo protettore è proprio Sant'Antonio!!! Ottimi panini... smackkk

Nel cuore dei sapori ha detto...

Ma che bella questa tradizione, anche da noi i panini vengono distribuiti durante la messa :D buona serata

ღ Sara ღ ha detto...

che bella tradizione e che bei panini! complimentissimi!

Rosetta ha detto...

E' sempre bello tramandare le tradizioni, grazie per il racconto.
Ho preso nota dei tuoi panini.
Mandi

www.ilfogolar.blogspot.com

marsettina ha detto...

che bell'usanza!

alex ha detto...

Mi sarebbe piaciuto offrirli per colazione a mio marito che si chiama Antonio, grazie per la ricetta! ciao Alex

Marco_e_Barbara ha detto...

grazie per aver condiviso con noi questo post,a volte ci dimentichiamo di ha veramente bisogno e pensiamo solo a noi,le tue parole possano svegliare l'altruismo e l'amore per il prossimo

ஃPROVARE PER GUSTAREஃ di ஜиαтαℓια e ριиαஓ ha detto...

anche nel mio paese nativo ce questa usanza ....
i tuoi panini sono eccezionali mi salvo la ricetta...brava ...
lia

sandramilù ha detto...

Ciao stellina!
ma quante cose ho scoperto oggi...grazie per il meticoloso racconto sulle tradizioni che girano intorno al Santo e grazie per questa ricetta,che sicuramente proverò!!!
Un bacio e a presto!!

GG ha detto...

Ma che meraviglia!
Questi panini sono super-invitanti, di sicuro una delizia!
Un bacione, GG ;-)

Betty ha detto...

belle le tradizioni! anche qui si usa la tradizione del pane e andare scalzi e a piedi fino al Santuario.
brava!

ristorante padova ha detto...

questa ricetta mi sembra deliziosa