lunedì 14 dicembre 2009

Frittele simil pastiera


Oggi vi propongo un dolce preparato ieri..per S.Lucia...sostituendo la farina con la fecola e il cocco..in quanto in occasione di questa giornata non mangiano prodotti a base di farina di grano.



Ingredienti:

200 gr di riso;
500 ml di latte;(circa)
2 cucchiai di zucchero;
canditi misti a piacere;
uva passa a paicere;
2 uova;
1 bustina di lievito;
scorza d'arancio;
1 bustina di vanillina;
100 gr di farina;(circa a seconda dell'assorbimento del riso)
la modoifica per ieri:50 gr di fecola di patate e 50 gr di farina di cocco
1 aroma fiori d'arancio.


Procedimento:

Far cuocere il riso nel latte fino al totale assorbimento. Nell'eventualità in cui il riso si dovesse cuocere prima scolare l'eccesso di latte.Lasciar raffreddare il riso.In una terrina mescolare il riso con lo zucchero,i canditi,l'uvetta,la scorza di arancia,la vanillina,l'aroma e le uova sbattute.



A questo punto unire la farina,il lievito e un pizzico di sale.Il composto deve essere compatto ma morbido da poterlo prendere a cucchiaiate.Dopo di che versare il composto con l'aiuto di un cucchiaio e friggerle in abbondante olio di arachidi.Assorbire l'olio in eccesso e cospargere di zucchero semolato.




Ecco pronte le frittelline che ricordano il gusto della pastiera napoletana.


Particolare dell'interno.




P.s. Per una versione light..invece di friggerle si possono cuocere in forno..a 180°.


Stampa il post

14 Dolcetti:

Scarlett: ha detto...

ottimi !!!!brava voglio provarli presto..ovviamente fritti ahahahaa baci e buon inizio di settimana

FairySkull ha detto...

mhmhmhm buoneeee !!!

Mirtilla ha detto...

davvero una gran bella ricetta riciclo ;)

manuela e silvia ha detto...

Proprio particolari...ma sembrano buonissime!!
te ne rubiamo qualcuna!
un bacione

Masterchef ha detto...

mi piace questa ricetta e ho intenzione di farla.......siccome non amiamo molto sia i canditi che l'uva passa posso farli anche senza?????
ciao e grazie

Alice4161 ha detto...

si certo...li puoi sostituire con gocce di cioccolato.

baci e grazie a te.

Federica ha detto...

queste devono essere una delizia unica! le devo provare assolutamente!! ciao!

Just me ha detto...

ciao alice e grazie per che segui il mio blog! mi piace il tuo blog! saluti da canada! baci!

Nanny'76 ha detto...

molto particolari e invitanti ^_^

marifra79 ha detto...

Caspiterina che belle e che buone devono essere!!!In genere il fritto non l'adoro ma queste fritelline sono troppo invitanti!
UN ABBRACCIO

stefi ha detto...

Buongiorno cara! queste frittelle sono tentatrici e irresistibili!!!!
Sto sbavando!!!

fiorix ha detto...

che dolcetto squisito!complimenti un bacio

rebecca ha detto...

deliziose , frittelle molto particolare, golosissime, complimenti. non sapevo che il giorno di S.Lucia non si mangia nulla fatto con la farina, è una tradizione ? sai le origini e in quali località viene osservata? mi hai incuriosita ...si nota...?
ciao Reby

Alice4161 ha detto...

rebecca...è una festività oroginaria della sicilia che si rispetta in onore di questa santa...in quanto si narra,anche il nonno di mia nonna..lo raccontava,che lucia...a causa della malattia della madre fece un voto di castità e di rinuncia alla vita agiata.rinuncio quindi a sposarsi..e il fidanzato venuto a conoscenza di questa sua decisione..la denuncio come cristiana..in un periodo in cui venivano perseguitati proprio i cristiani.La torturarono e le conficcarono una spada nella gola...la leggenda dice che...durante la tortura si strappò gli occhi e per questo viene considerata come protettrice degli occhi.Per quanto riguarda pane e derivati...si narra che siracusa colpita da una carestia venne salvata da s.lucia la quale fece approdare sulle rive un carico pieno di frumento...e da quel momento...il 13 dicembre..sulle tavole dei siciliani e di molti altri fedeli...sono "banditi"pasta pane e derivati.