mercoledì 11 maggio 2011

Non è giusto!!

Senza dire cose che potrebbero sembrar scontate,vi invito a visitare il blog  Farina del mio sacco di Crysania .....
....e leggere quanto le è accaduto. 





Cry ha scritto:

Vi sarei grata anche se vorrete aiutarmi nel fare Tam-Tam e "pubblicizzare" il più possibile questo mio post parlando di ciò che sta accadendo, potrebbe essere utile a tanti altri blogger che si potrebbero trovare nella mia situazione (spero di no!) ma soprattutto per evitare ad altri di cadere nella stessa trappola e vedere distrutto il loro lavoro!
Stampa il post

5 Dolcetti:

Mamma Papera ha detto...

alice come mi spiace per crysania, :(
spero che possa in qualche modo risolvere
ohhh ma il tuo blog è vramente molto bello bravissima

Luca and Sabrina ha detto...

Siamo appena passati da lei, ci auguriamo che non molli, che non si arrenda!
Un bacione da Sabrina&Luca

Le ricette dell'Amore Vero ha detto...

hai ragione, non è giusto!!!
un bacione! :)

LA PASTICCIONA ha detto...

mi dispiace tanto spero che risolva presto,ciao

Anonimo ha detto...

Ciao! Mi chiamo Roberta e
sono "una" avvocato di 38 anni, seguo da pochi mesi (da quando cucino per due, diciamo ^_^) un sacco di food blog tra cui il tuo e leggo qua e là di quello che accaduto alla vostra amica Crysania.

Il mio consiglio è che sentiate un legale, non avete qualche amica/cugina/sorella/marito che fa l'avvocato?

Intanto, mi permetto di dare qualche "dritta" a te e a tutte le tue simpaticissime colleghe foodblogger.

Quando si registra un marchio, si deve fare una distinzione:
nomi di fantasia (la mitica crema alla nocciola e cioccolato, ad esempio, o le patatine nel tubo rosso) chiaramente inventati hanno una tutela più forte dei nomi che hanno una forte attinenza con la realtà.

Se io domani volessi registrare un qualsiasi modo di dire, "non dire gatto se non ce l'hai nel sacco" piuttosto che "rosa-confetto" (posto che già non siano registrati) dovrei anche fare i conti col fatto che sarebbero marchi che ricevono una "tutela debole", nel senso che non posso certo impedire in modo incisivo a terzi di usare parole o modi di dire ormai nell'uso quotidiano o collettivo…

Non ho capito se c'è un provvedimento di tribunale, o la vostra amica ha semplicemente ricevuto una lettera da parte di un legale della parte che si assume lesa.

Tale lettera meriterebbe di essere portata a sua volta da un avvocato che - analizzata compiutamente la situazione nei dettagli e carte alla mano - dia alla vostra amica un consiglio sensato.

In bocca al lupo!
Roberta R.